Iva, fatture semplificate

Limite di importo da 100 a 400 euro.
Sulla G.U. n. 120, del 24 maggio scorso, è stato pubblicato il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 10 maggio 2019, che, fermo restando l’obbligo di fatturazione elettronica, innalza da 100 a 400 euro il limite per l’emissione delle cosiddette fatture semplificate.

Il decreto in questione viene emesso a seguito dell’articolo 21-bis del Dpr 633/1972, il quale prevede che possano essere emesse, in modalità semplificata, fatture di ammontare complessivo non superiore a euro 100, stabilendo, altresì, che il predetto limite possa essere innalzato fino a 400 euro con decreto regolamentare.
Si rammenta che la fattura semplificata è caratterizzata dalla richiesta di un minor numero di elementi informativi (quali, per esempio, l’indicazione della sola partita Iva o codice fiscale per l’identificazione del cessionario o committente, la descrizione sintetica dell’operazione, l’indicazione dell’ammontare complessivo senza la distinta esposizione dell’imponibile e dell’imposta).
(UTP.LC – 9242/243 – 30.5.19)

(Farma 7 n. 22/23 – 2019)

2019-06-06T10:52:56+00:00