I risultati del "DiaDay 2019" sull'aderenza terapeutica dei pazienti diabetici sono preoccupanti, ma nel contempo testimoniano l’importanza della farmacia, come centro di screening, ideale per la prevenzione e il controllo dell’osservanza delle terapie.
Secondo i dati del DiaDay 2019, il 63% dei pazienti diabetici non rispetta correttamente la terapia prescritta dal medico: il 25% non la osserva affatto, mentre il restante 38% la segue in maniera discontinua.
La presentazione dei dati raccolti con il monitoraggio in farmacia del “DiaDay 2019” rivela, infatti, la scarsa aderenza alla terapia delle persone con diabete. Il 63% dei pazienti non rispetta correttamente la terapia prescritta dal medico: il 25% non la segue affatto, mentre il restante 38% la segue in maniera discontinua. Così risulta dal monitoraggio gratuito effettuato, dall’11 al 16 novembre, in oltre 5.500 farmacie su 16.700 diabetici, di cui 7.581 donne e 9.172 uomini. Questi i dati divulgati dall’ufficio stampa di Federfarma, che ha promosso la campagna, giunta alla sua terza edizione (la presentazione ufficiale dei risultati è avvenuta ieri a Roma: l'abbiamo annunciata qui). Età dei pazienti monitorati • Dei 16.753 diabetici la maggioranza (60,71%) ha più di 64 anni. • Segue la fascia 55-64 anni (3.603 persone pari al 21,51%) • 1639 diabetici monitorati (9,78%) hanno tra i 45 e i 54 anni • 703 (4,20%) tra 35 e 44 anni • 400 (2,39%) hanno età compresa tra 25 e 34 anni • 238 (1,42%) sono giovani sotto i 25 anni Durata della malattia La netta maggioranza dei pazienti monitorati dichiara di avere la patologia da più di 3 anni (12.680 persone pari al 78,42% del campione); 2.521 persone (pari al 15,59%) sono affette da patologia da un periodo compreso tra 1 e 3 anni; 968 persone (5,99%) da meno di un anno. Tipo di diabete Dei soggetti monitorati 3.267 sono diabetici di tipo 1 e  12.343 sono diabetici di tipo 2. Monitoraggio della glicemia 11.787 diabetici (pari al 70,36%)  monitorano la glicemia a fronte di 4.966 diabetici (pari al 29,64% ) che non la monitorano. Attività lavorativa La maggior parte dei diabetici non è un lavoratore attivo (10.436 pari al 62,29%). Lavorano invece 6.317 (pari al 37,71%). La maggior parte delle persone monitorate (12.901 pari al 77,01%) non vive da sola. Assunzione di farmaci Per l’assunzione del farmaco 3.516 pazienti (il 20,99%) si avvalgono del supporto di un parente; solo il 7,34% (1.230 persone) si avvale del supporto di una app. La usano soprattutto le persone di età compresa tra 45 e 64 anni (circa 20%). Sopra ai 74 anni la percentuale si riduce al 7,07%. Aderenza alla terapia L’indagine del DiaDay si è poi concentrata a focalizzare l’aderenza alla terapia, chiedendo al diabetico se si dimentica di assumere i farmaci, se ha mai ridotto o smesso, se si dimentica di portare i farmaci con sé quando si sposta, se ha difficoltà a mantenere il piano di terapia. Aderenza secondo l’età - La scarsa aderenza alla terapia è un fenomeno che accomuna tutte le classi di età.  L’aderenza più elevata si registra tra gli ultra74enni, ma con una percentuale pari solo al 40,46%. Questo vuole dire che ben il 60% dei diabetici, pur all’interno della classe di età che annovera i pazienti più “diligenti”, non segue correttamente la terapia prescritta. I meno aderenti sono i diabetici nella fascia di età tra i 45 e i 64 anni. Aderenza secondo il sesso - Uomini e donne si curano in maniera sostanzialmente analoga, con analoghe percentuali di aderenza, sempre troppo basse. Sono alto-aderenti soltanto il 38,01% degli uomini e il 36,00% delle donne. Aderenza secondo il tipo di diabete - Ben il 67,25%  dei diabetici di tipo 1 e il 61,68% dei diabetici di tipo 2 non  si cura come dovrebbe. Segue bene la terapia solamente il 32,75% dei diabetici di tipo 1 e il 38,32% di tipo 2. Aderenza alla terapia insulinica - Anche coloro cui è stata prescritta l’insulina non seguono correttamente la terapia e solo il 34,89% risulta molto aderente. Aderenza al monitoraggio della glicemia - Monitora la glicemia con la frequenza consigliata dal medico solo il 39,72% dei diabetici. Conoscenza del medicinale Gli alto-aderenti non dimenticano mai di prendere il farmaco, non interrompono la terapia e lo portano sempre con sé. Dichiarano di non avere difficoltà a seguire la terapia.