Molti e importanti i temi affrontati dal Consiglio di Presidenza di Federfarma, tenutosi giovedì 5 dicembre a Roma.

Coperture assicurative per i farmacisti

Innanzitutto si è discusso sul rinnovo delle polizze assicurative, sia quella riguardante la responsabilità civile e professionale del farmacista, sia quella sugli infortuni e malattie dei titolari di farmacia senza collaboratori, che finalmente ora possono fronteggiare situazioni già di per sé critiche senza almeno la spada di Damocle della necessaria apertura della farmacia.

Il 12 dicembre Assemblea nazionale di Federfarma

Si sono così individuate le soluzioni più idonee a sostenere e garantire l’attività professionale e predisposte le due bozze che andranno ora portate in Assemblea nazionale, già indetta per il prossimo 12 dicembre, per la definitiva approvazione. Si è cercato, in particolare, di garantire sia un buon risparmio, sia di migliorare le coperture assicurative.

Il Consiglio di Presidenza si è poi soffermato sui contenuti che dovranno caratterizzare le relazioni sia del presidente Federfarma, Marco Cossolo, sia del presidente Sunifar, Silvia Pagliacci, visto che si tratta non soltanto di proporre un bilancio di quanto fatto nel 2019, ma anche di delineare i gravosi impegni che attendono la farmacia nel nuovo anno.

La Convenzione e il Tavolo Sisac

Punto cruciale rimane il rinnovo della Convenzione, con l’analisi degli esiti scaturiti dal Tavolo Sisac tenutosi lo scorso 21 novembre, da presentare ai membri dell’Assemblea. Non sempre le voci diffuse su quest’incontro hanno correttamente focalizzato la situazione e, quindi, sarà doveroso presentare il quadro preciso di come procedono le trattative. Soprattutto bisognerà poi individuare e decidere la posizione che Federfarma dovrà tenere in merito ai 10 punti che saranno affrontati nella prossima riunione Sisac, indetta per il 16 dicembre.

Progetto sul paziente fragile e cerimonia del Caduceo

Infine, il Consiglio di Presidenza di Federfarma ha dato il proprio convinto consenso alla richiesta, avanzata dall’associazione Confconsumatori, di un contributo al progetto sul paziente fragile, ricerca che rientra anche negli interessi professionali della categoria, come pure si è discusso su come affrontare la cerimonia del Caduceo, che l’Ordine dei farmacisti di Catanzaro ha programmato per il prossimo 8 febbraio. Questo l’ultimo aspetto affrontato nell’ambito di un incontro molto partecipato e assai produttivo.