Nicola Magrini è il nuovo direttore generale dell’Aifa. La conferenza Stato-Regioni ha approvato la scelta proposta dal ministro della Salute Roberto Speranza. Magrini è medico e farmacologo clinico di vasta e lunga esperienza, anche in campo internazionale, nell’ambito della valutazione sui farmaci e dei criteri regolatori. Tra i suoi incarichi va segnalato quello di segretario del comitato per i farmaci di base dell’Organizzazione mondiale della sanità. Inoltre, membro fondatore del Cochrane Center italiano e direttore del Centro di collaborazione dell'Oms per la sintesi della ricerca basata sulle prove e lo sviluppo delle linee guida dal 2008 al 2014. Felicitazioni e congratulazioni sono arrivate a Nicola Magrini dai rappresentanti del mondo farmaceutico e medico.

Cossolo (Federfarma): "Con la sua grande esperienza potrà contribuire efficacemente ad affrontare i gravosi impegni in capo all'Agenzia, anche in relazione all’attuazione del Patto della Salute e in particolare alla governance dei farmaci".

Il presidente di Federfarma Marco Cossolo ha scritto una nota per augurare al neodirettore generale di Aifa buon lavoro, “nella certezza che con la sua grande esperienza potrà contribuire efficacemente ad affrontare i gravosi impegni in capo alla Agenzia, anche in relazione all’attuazione del Patto della Salute e in particolare alla governance dei farmaci”. “Le farmacie -continua Cossolo- sono disponibili a collaborare per continuare a garantire una distribuzione efficiente sul territorio e per implementare il monitoraggio dell’aderenza alle terapie, una procedura che agevola un più razionale uso delle risorse destinate al farmaco, con ricadute positive sulla salute dei cittadini”.

Mandelli (Fofi): La sua lunga esperienza in ambito nazionale e internazionale sarà preziosa per proseguire e sviluppare l’attività dell’Agenzia, che è chiamata ad affrontare la spinta sempre più forte dell’innovazione farmacologica e la sfida costante della sostenibilità delle cure". 

In una nota pubblicata anche sul sito della Fofi, il presidente della Federazione degli Ordini Andrea Mandelli ha sottolineato, a proposito della nomina di Magrini, che “la sua lunga esperienza in ambito nazionale e internazionale sarà preziosa per proseguire e sviluppare l’attività dell’Agenzia, che è chiamata ad affrontare la spinta sempre più forte dell’innovazione farmacologica e la sfida costante della sostenibilità delle cure. I farmacisti italiani gli offrono fin d'ora la massima collaborazione e gli fanno i migliori auguri di buon lavoro".
Gli auguri e gli auspici dell'Associazione medici diabetologi
Dal fronte delle società scientifiche dei medici si segnala la nota della Associazione medici diabetologi, in cui il presidente di Amd Paolo Di Bartolo, nel congratularsi con Magrini e nel dichiarare la “piena disponibilità a collaborare con l’Agenzia” aggiunge i propri auspici per quanto riguarda la politica farmaceutica nel campo di una patologia tanto importante quanto diffusa qual è il diabete. “Il miglior augurio che possiamo inviare al nuovo direttore generale dell’Agenzia -scrive Di Bartolo- è quello di riuscire a concorrere in modo sostanziale al superamento delle disparità di accesso ai farmaci innovativi ancora evidenti nel nostro Paese. Una non pari opportunità di cura, spesso su base regionale, che dipende non solo dalle differenti politiche di rimborso delle terapie adottate dalle singole Regioni, ma anche dall’impossibilità di prescrizione delle ‘nuove’ terapie da parte della medicina generale. Siamo dunque disponibili e aperti al dialogo con Aifa, nel comune intento di garantire a tutte le persone con diabete le prestazioni migliori e un’assistenza più equa, in tutto il Paese”.