Le indicazioni per le farmacie di fronte al Coronavirus: un utile riepilogo delle cose da sapere, da fare e da evitare per contrastare l’emergenza sanitaria generata dal Covid-19. Con l’espandersi dell’epidemia e con il susseguirsi di misure e provvedimenti del Governo e raccomandazioni delle autorità sanitarie, Fofi e Federfarma hanno deciso di fare un po’ d’ordine riassumendo in due documenti le indicazioni per le farmacie. Una guida utile per chi lavora tutti i giorni dietro il banco, ricoprendo il suo prezioso ruolo sociosanitario anche in questa fase così difficile.

Due documenti riassuntivi di Fofi e Federfarma con le indicazioni per i farmacisti nell’emergenza Coronavirus: cosa c’è da sapere, da fare, da evitare, da comunicare ai cittadini.

La Federazione degli Ordini ha elaborato un documento, condiviso da Federfarma, che riassume in dieci punti i comportamenti richiesti ai farmacisti. Federfarma ha raccolto in un unico testo le misure igienico-sanitarie da portare all’attenzione della popolazione (in parte presenti nel Decalogo di Ministero della Salute e Istituto superiore di sanità, -di cui abbiamo parlato qui- e in parte nel Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 marzo 2020). Entrambi i documenti con le indicazioni per le farmacie sono disponibili sul sito di Federfarma nell’area riservata, allegati alla circolare 96 del 6.3.2020. Li riproduciamo qui sotto. Sul Dpcm del 4 marzo, si ricorda il commento di Federfarma nella Circolare n. 93 con ulteriori apprpfondimenti.  

Il documento della Fofi - Covid-19: indicazioni operative per i farmacisti

  1. Evitare assembramenti nei locali, eventualmente disciplinando gli accessi con l’apertura regolata delle porte di ingresso
  2. Garantire una distanza minima di almeno un metro sia tra i pazienti presenti sia tra questi ultimi e i farmacisti al banco, nonché il personale addetto
  3. Ove la specifica situazione territoriale sia valutata a rischio, indossare dispositivi di protezione individuale (mascherine e guanti)
  4. Rendere disponibili ai cittadini nei locali i prodotti per la igienizzazione o disinfezione delle mani
  5. Lavarsi frequentemente le mani ed evitare di toccarsi occhi, naso e bocca
  6. Effettuare una pulizia accurata degli ambienti (in particolare, del bancone e dell’area prospiciente a esso) con disinfettanti a base di alcol o cloro
  7. Nebulizzare nell’ambiente spray igienizzanti
  8. Esporre l’ultima versione del decalogo dell’Istituto superiore di sanità, nonché eventuali altre informazioni di pubblica utilità
  9. Sospendere le attività dei tirocini dei corsi di laurea per tutta la durata di interruzione delle attività didattiche negli atenei
  10. Gestire i rapporti con i fornitori e con i loro incaricati in modo da limitare i contatti con i pazienti

Il documento riassuntivo di Federfarma: misure igienico-sanitarie

  • Lavati spesso le mani con acqua e sapone o con gel a base alcolica
  • Mantieni nei contatti sociali una distanza interpersonale di almeno un metro
  • Evita abbracci e strette di mano
  • Evita il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute
  • Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani
  • Copri bocca e naso con fazzoletti monouso quando starnutisci o tossisci. Se non hai un fazzoletto usa la piega del gomito
  • Evita l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva
  • Non prendere farmaci antivirali né antibiotici senza la prescrizione del medico
  • Pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol
  • Usa la mascherina solo se sospetti di essere malato o se assisti persone malate
  • I prodotti “Made in China” e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi
  • Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo coronavirus
  • In caso di dubbi non recarti al pronto soccorso, chiama il tuo medico di famiglia e segui le sue indicazioni