Federfarma, grazie a un accordo con la Croce Rossa Italiana, garantirà la consegna di farmaci a domicilio alle persone anziane non autosufficienti o con sintomi/affetti/in quarantena per virus Covid-19.

Si tratta di un’iniziativa di grande rilevanza sociale, che valorizza al massimo il ruolo della farmacia come primo presidio del Ssn sul territorio, sempre pronto a venire incontro alle esigenze del cittadino. Viene così peraltro ampliato il servizio che la Federazione già da tempo assicura, tramite il numero verde 800.189521, estendendolo anche alle persone colpite dal Coronavirus. Ma vediamo come si articola questa consegna domiciliare.

Come funziona la consegna dei farmaci a domicilio

• Destinatari – Pazienti over 65 anni, con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (oltre 37,5°), persone non autosufficienti o sottoposte alla misura della quarantena o, in ogni caso, risultati positivi al virus Covid-19, in possesso di prescrizione medica.

• Accesso – Tramite il numero verde 800.065.510, attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

• Modalità di erogazione – Il personale Cri, in uniforme, ritira la ricetta o il promemoria dal medico (o acquisisce il Nre e il codice fiscale dell’assistito in caso di dematerializzazione) e si reca nella farmacia più vicina al domicilio del paziente o in quella da lui indicata), ritira il farmaco e anticipa il costo o il ticket. Poi provvede al corretto trasporto, alla consegna in busta chiusa al domicilio del malato e al rimborso dei costi del farmaco. Al paziente è garantita la protezione dei suoi dati personali e può altresì ottenere lo scontrino fiscale parlante, fornendo i dati della tessera sanitaria o del codice fiscale.

• Costi – Il servizio è gratuito, va pagato soltanto il costo del farmaco o del ticket.

• Durata del servizio – La consegna di farmaci a domicilio verrà svolta per tutta la durata dell’emergenza sanitaria (al momento prevista dal Governo fino al 3 aprile 2020).