Le recenti dichiarazioni del presidente della Repubblica e del ministro della Salute -Sergio Mattarella e Roberto Speranza- sono servite a fugare quel senso di amarezza che molti farmacisti avevano lamentato, perché giudicavano poco riconosciuto il ruolo svolto dalla farmacia in prima linea nella lotta al Coronavirus. Ultimamente, in realtà, da più parti sono giunte espressioni di apprezzamento per l’impegno della categoria, dai vertici sia della politica, sia dell’amministrazione sanitaria, sia dell’opinione pubblica, a riprova che quanto fanno i farmacisti “in trincea” viene sempre più riconosciuto e valorizzato. Un grazie sincero per questi apprezzati giudizi viene dai presidenti di Federfarma e Fofi. “Le farmacie ringraziano il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per aver pubblicamente riconosciuto il loro impegno in queste difficili settimane di emergenza sanitaria. Un sentito grazie anche al ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha sottolineato come sia necessario fornire ai farmacisti maggiore protezione per evitare il contagio all’interno delle farmacie dove comunque i cittadini continuano ad entrare per diverse necessità. Sono orgoglioso per questi riconoscimenti da parte della massima autorità dello Stato e del ministro della Salute, che premiano l’instancabile lavoro di tutti i colleghi.” Da parte sua, il presidente Andrea Mandelli ha detto:  “Le parole dedicate alla nostra professione dal presidente della Repubblica nel suo ultimo discorso alla nazione è un riconoscimento importante del nostro ruolo in questa fase di emergenza, che svolgiamo con dedizione e coraggio, malgrado gli obiettivi disagi e timori che deve affrontare chi, come i farmacisti, opera nelle strade del nostro Paese, senza filtri all’accesso e purtroppo ancora senza tutele adeguate”.

Incominciano ad arrivare in farmacia Dpi e maschere protettive

Va riconosciuto, però, che qualcosa si sta muovendo e i dispositivi di protezione incominciano ad arrivare. Con un comunicato stampa, per esempio, il presidente dell’Ordine dei farmacisti di Forlì-Cesena, Alessandro Malossi, comunica di aver acquistato visiere in policarbonato da distribuire ai colleghi e il presidente di Federfarma Campania, Nicola Stabile, ringrazia il presidente della Regione, Vincenzo De Luca, per la distribuzione dei dispositivi di protezione individuale ai farmacisti. Da parte sua, Luca Zerba Pagella, presidente di Federfarma Alessandria, informa che a Tortona le farmacie distribuiscono alla popolazione ben 40.000 maschere chirurgiche donate dalla locale Fondazione Cassa di Risparmio, e un grande quantitativo di maschere è in arrivo a giorni anche in Lombardia, come garantisce l’assessore al Bilancio della Regione, Davide Caparini. Sono i primi esempi di una situazione che si sta man mano attuando in tutt’Italia e che ci auguriamo possa ben presto garantire adeguate protezioni a chi, come i farmacisti, si trova ad operare in prima linea contro il Coronavirus. Agli apprezzamenti, quindi, incominciano a far seguito fatti concreti.