È un provvedimento di largo respiro il Decreto Legge “Rilancio”, approvato dal Consiglio dei ministri il 13 maggio, che prevede in 256 articoli aiuti pari a 55 miliardi di euro per rilanciare l’economia e sostenere le imprese e il lavoro. Propone, infatti, una serie di misure urgenti per far fronte all’emergenza epidemiologica da Covid-19, prevedendo iniziative a tutela della salute, a sostegno del lavoro e dell’economia, nonché di politica sociale. Si spostano, per esempio, le scadenze di alcune tasse, si cambiano e si snelliscono le regole della cassa integrazione, si aumentano i voucher per le vacanze e i bonus per i lavoratori e così via. Ne dà ampio riscontro una circolare Federfarma, che analizza in particolare tutti i provvedimenti che interessano la farmacia e il farmacista, partendo dall’abolizione dell’aliquota Iva sulle mascherine fino al 31 dicembre 2020 (poi sarà del 5%), fino alla proroga di validità delle ricette limitative dei farmaci di fascia A e alla proroga dei piani terapeutici per l’assistenza integrativa.

Il DL “Rilancio” prevede in 256 articoli aiuti per 55 miliardi di euro. Sul prossimo “Farma 7” gli articoli di interesse per la farmacia

Vengono poi analizzate sia le norme di interesse sanitario che riguardano la professione, dall’estensione anche ai familiari dei farmacisti delle iniziative di solidarietà, alle misure urgenti sul Fascicolo sanitario elettronico e sul Dossier farmaceutico, sia ai provvedimenti in materia di lavoro. Ci si sofferma poi sulle nuove disposizioni in materia di cassa integrazione in deroga, di integrazione salariale e in materia di ammortizzatori sociali, oltre che sui congedi ai dipendenti, sui permessi retribuiti, sulla sorveglianza sanitaria e sul diritto al lavoro agile. La circolare Federfarma analizza poi le misure a sostegno delle imprese che interessano la farmacia, come l’abrogazione del versamento Irap, i contributi a fondo perduto, le agevolazioni sugli affitti e sulle bollette elettriche, utili al pari delle misure fiscali che riguardano le clausole di salvaguardia delle aliquote Iva, il credito d’imposta per le spese di sanificazione degli ambienti di lavoro, la proroga dei versamenti sospesi, la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri, la disciplina degli Isa, gli indici sintetici di affidabilità fiscale e così via. Tutta una lunga serie di norme che vanno puntualmente considerate e che si potranno consultare con calma nella circolare che viene pubblicata integralmente sul prossimo “Farma 7” (n. 9). Essa raccoglie tutte le disposizioni e le analizza nel dettaglio, consentendo così di verificare se e quali provvedimenti interessano, e quando e come attivarli a sostegno della propria attività.