EU4Health è il nuovo fondo di finanziamenti per la “Salute” proposto dalla Commissione UE. Autonomo e ambizioso prevede di fornire un contributo significativo alla ripresa post Covid-19, rendendo la popolazione europea più sana, rafforzando la resilienza dei sistemi sanitari e promuovendo l’innovazione nel settore sanitario. A partire dal 1° gennaio 2021, il programma prevede l’investimento di ben 9,4 miliardi di euro nel rafforzamento dei sistemi sanitari, con finanziamenti che vanno dai programmi di formazione e scambio di personale sanitario ai meccanismi per l’approvvigionamento di beni e servizi; dallo sviluppo e accesso a medicinali e vaccini all’istituzione di laboratori di eccellenza; dagli investimenti in infrastrutture sanitarie ai nuovi servizi digitali, fino a ogni azione ritenuta utile ad aumentare la prevenzione e gestione delle crisi sanitarie.

Il programma coprirà gli anni 2021-2027 tenendo conto degli insegnamenti tratti dalla pandemia di Covid-19, quali la necessità di rafforzare in modo significativo la preparazione e la capacità dell’UE nel rispondere efficacemente alle principali minacce sanitarie transfrontaliere attraverso un maggior coordinamento tra gli Stati membri. Il programma lavorerà attingendo ai meccanismi di cooperazione esistenti, integrando e sostenendo le politiche sanitarie nazionali nel rispetto della responsabilità degli Stati membri nell’organizzare e fornire servizi sanitari e cure mediche.

Il grande impegno, anche finanziario, della Commissione UE per promuovere l’innovazione nel settore sanitario

Il programma sarà attuato dagli Stati membri e dalle Ong, che potranno richiedere finanziamenti europei anche attraverso la gestione indiretta della Commissione e delle Agenzie quali Ema, Ecdc (prevenzione e controllo delle malattie trasmissibili), Efsa (sicurezza alimentare). Oltre agli obiettivi citati sopra, il programma si propone di affrontare le disuguaglianze nello stato di salute della popolazione e nell’accesso all’assistenza sanitaria, l’onere derivante dalle malattie non trasmissibili, gli ostacoli alla diffusione e all’utilizzo delle innovazioni digitali e, infine, l’aumento dei costi derivante da degrado ambientale, inquinamento, cambiamenti demografici.

EU4Health è il programma più ambizioso di sempre, ma importanti investimenti verranno effettuati anche attraverso altri strumenti di finanziamento come Horizon Europe e rescEU.

  • Horizon Europe finanzierà la ricerca e l’innovazione su temi di salute ambientale e sociale; malattie non trasmissibili e rare; malattie infettive; strumenti e soluzioni digitali per i sistemi sanitari.
  • RescEU, il servizio di protezione civile europea, consentirà di fornire una reazione rapida e diretta a eventuali nuove crisi in sinergia con EU4Health, che si occuperà di organizzare scorte mediche strategiche a lungo termine e task force di personale sanitario da mobilitare in caso di crisi.

EU4Health è a disposizione di chi avrà buone idee, sarà capace di presentare progetti di nuovi servizi sanitari, soprattutto digitali, compresi ovviamente nuovi servizi da lanciare in farmacia. Ci sarà la possibilità quindi di partecipare a bandi di gara, con la Commissione UE che stabilirà i vincitori che potranno utilizzare i soldi messi a disposizione dall’Europa. (EP)