L’attività delle Unioni e Associazioni Federfarma è particolarmente intensa in questo periodo così complesso, soprattutto dal punto di vista sanitario. Proponiamo qui una sintetica panoramica di alcune importanti iniziative che hanno visto protagoniste Unioni e Associazioni Federfarma, a livello regionale e provinciale, su diversi fronti come i test sierologici anti-Covid e le vaccinazioni antinfluenzali.

Unioni e Associazioni Federfarma protagoniste di iniziative importanti in materia di test sierologici e vaccinazioni antinfluenzali: le esperienze di Emilia Romagna, Veneto, Salerno.

Lo spirito di iniziativa delle Unioni regionali e delle Associazioni provinciali di Federfarma rappresenta una testimonianza significativa dell’impegno sociosanitario dei farmacisti a livello locale. V ediamo quanto accaduto in questi giorni.

• Federfarma Emilia Romagna

Durante una conferenza stampa tenuta dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, dall’assessore alla Salute, Raffaele Donini, e dal presidente dell’Unione regionale, Achille Gallina Toschi, è stato annunciato che le farmacie potranno gratuitamente effettuare il test sierologico rapido agli studenti e ai loro genitori, per verificare l’eventuale presenza del virus Sars-Covid-2 (dell’iniziativa abbiamo parlato anche qui).

“L’iniziativa dell’Emilia-Romagna -ha detto il presidente nazionale di Federfarma, Marco Cossolo– rappresenta un esempio virtuoso di sinergia tra le istituzioni e le farmacie di comunità, che costituiscono un presidio di prossimità sempre pronto ad andare incontro alle esigenze di salute della popolazione”. Nella conferenza è stata anche annunciata l’intenzione della Regione di aumentare le dosi di vaccino antinfluenzale disponibili in farmacia.

• Federfarma Veneto

Il presidente Andrea Bellon riferisce di una telefonata in cui l’assessore regionale alla Sanità, Manuela Lazzarin, lo informa che un primo quantitativo di 30.000 dosi di vaccino antinfluenzale arriveranno in farmacia dal 1° novembre, ed entro fine mese 68.000 vaccini potranno essere distribuiti dalle farmacie territoriali venete, da destinare alle fasce attive della popolazione che non rientrano nelle categorie protette. Un’ulteriore quota di vaccini potrebbe arrivare dall’estero, precisa Bellon, che ringrazia l’assessore Lazzarin e il direttore del Servizio farmaceutico regionale, Giovanna Scroccaro, per “aver compreso e supportato con i fatti l’accorata richiesta delle farmacie venete per il bene della popolazione”.

• Federfarma Salerno

Prime in Campania e nel Sud Italia, le 300 farmacie private salernitane, dove operano 1.500 addetti, potranno utilizzare la piattaforma del Welfare aziendale, grazie all’accordo raggiunto con il provider Welfare4you. Una serie di servizi sono così a disposizione dei dipendenti delle farmacie dal 1° ottobre: dal rimborso per le spese scolastiche ai benefit per i viaggi, dalle attività ricreative ai servizi di assistenza domiciliare, e così via.

“Abbiamo dato vita a un progetto -dichiara il presidente Dario Pandolfi– che è un valore aggiunto per i nostri collaboratori, e di conseguenza per le farmacie. Un tangibile segnale per la professionalità e dedizione dei dipendenti, impegnati quotidianamente nelle nostre farmacie”.