Il benessere dei lavoratori italiani, in senso psicofisico, ha subìto i colpi della pandemia, causando problematiche nuove o accentuando quelle preesistenti. Diverse ricerche sui lavoratori hanno attestato la crescita di disagi e malessere come conseguenza dell’effetto Covid (che tuttora ci condiziona).

Alcune indagini hanno misurato gli effetti della pandemia sul benessere dei lavoratori italiani: l’ansia generale, lo stress e il senso di incertezza sono fortemente cresciuti.

Una ricerca di Mental Health Index , per esempio, mostra che i dipendenti di età compresa tra i 40 e i 59 anni hanno sofferto di un declino cognitivo negli ultimi mesi, con un aumento di casi di stress post-traumatico del 51%. L’ansia generale è cresciuta dell’86% rispetto al periodo prepandemico.

Uno studio condotto da Sodexo in collaborazione con Harris Interactive su quasi 5mila dipendenti in 8 nazioni, tra cui l’Italia, aggiunge ulteriori elementi: il 37% dei dipendenti non ha fatto nulla per migliorare la propria salute mentale e il 75% ha ammesso che questi problemi hanno influenzato negativamente la produttività. Inoltre, l’81% ha dichiarato che dovrebbe essere responsabilità dell’azienda farsi carico di soluzioni per migliorare il benessere psicofisico.

Per quanto riguarda più da vicino il benessere dei lavoratori italiani, l’indagine di Sodexo e Harris Interactive rileva che il 71% dei dipendenti ha ammesso di aver provato un senso di incertezza generale verso il futuro e addirittura il 76% dice di aver trascurato la propria salute fisica.

Interessante il fatto che l’85% abbia dichiarato come la propria condizione di stress psicofisico abbia avuto un concreto impatto sulla produttività lavorativa e che il 79% ritenga che sia responsabilità dell’azienda provvedere alla salute mentale dei dipendenti.

Dieci cause di malessere psicofisico

Più specificamente l’indagine Sodexo-Harris indica le 10 cause di malessere psicofisico riscontrate dai dipendenti italiani (su un campione di oltre 600 lavoratori italiani).

  1. Il 76% ha ammesso di compiere meno esercizi per migliorare la propria forma fisica
  2. Il 71% ha provato un senso di incertezza generale verso il futuro
  3. Il 49% è stato ansioso nei confronti della propria salute e di quella dei familiari
  4. Il 46% è ansioso nei confronti della pandemia in generale
  5. Il 46% ha provato ansia per la sicurezza personale sul posto di lavoro
  6. Il 40% ha ammesso di aver mangiato in maniera poco salutare
  7. Il 37% è stato ansioso per il proprio lavoro quotidiano
  8. Il 25% ha fumato più sigarette del normale
  9. Il 12% ha consumato più alcol rispetto all’inizio della pandemia
  10. L’8% ha utilizzato più prescrizioni mediche del dovuto

Argomenti correlati li trovate trattati qui e qui sul nostro sito.