Il monitoraggio della pressione in farmacia con l’impiego delle risorse della telemedicina ha avuto un significativo incremento nei primi tre mesi del 2021. Infatti, nel network delle Farmacie dei Servizi Federfarma – Promofarma, dotate dei servizi di telemedicina Htn, sono stati eseguiti 9.781 controlli della pressione arteriosa nelle 24 ore, con un aumento del 47% rispetto al primo trimestre 2020.

Cresce il monitoraggio della pressione in farmacia: nelle Farmacie dei Servizi Federfarma – Promofarma, dotate dei servizi di telemedicina Htn, nei primi tre mesi del 2021, +47% rispetto al primo trimestre 2020.

I monitoraggi della pressione arteriosa in farmacia -precisa Htn- sono stati effettuati seguendo le linee guida della Siia (Società italiana ipertensione arteriosa), per discrepanza tra valori misurati in farmacia/ambulatorio e al domicilio, sospetta ipertensione da camice bianco o mascherata, ipertensione episodica o ipotensione (sintomatica), valutazione dell’efficacia dei farmaci, diabete, anziani, gravidanza, resistenza al trattamento farmacologico.

Dei 9.781 monitoraggi realizzati, 5.422 sono stati eseguiti per donne (età media circa 62 anni) e 4.359 per uomini (età media circa 59 anni).

Diversi casi anomali riscontrati e invito a consultare il proprio medico

L’esito del monitoraggio della pressione in farmacia ha fatto emergere numerosi casi di anomalie: infatti, nel primo trimestre 2021, nel 31,2% dei casi (3.636 persone) è stato riscontrato un trend pressorio anormale nelle 24 ore. Inoltre, nel 6% dei casi (complessivamente 590 soggetti) si sono avuti elevati valori sisto-diastolici e nel 14,8% dei casi (1.451 persone), alti valori di frequenza cardiaca.

Le persone con valori fuori norma sono state invitate a rivolgersi al proprio medico per approfondimenti diagnostici e ulteriori controlli.

Le cifre dell’ipertensione in Italia

L’importanza del servizio offerto con il monitoraggio della pressione in farmacia risalta ancora di più, se si considerano le cifre dell’ipertensione in Italia riportate sul sito della Siia e ricavate dal Progetto Cuore dell’Istituto superiore di sanità.

L’ipertensione arteriosa, infatti, è un problema che colpisce in Italia in media il 33% degli uomini e il 31% delle donne (si intendono ipertesi i soggetti con pressione arteriosa uguale o superiore a 160/95 mmHg, o in trattamento farmacologico specifico).

Il 19% degli uomini e il 14% delle donne sono in una condizione di rischio (ossia con un valore della pressione sistolica compreso fra 140 e 160 mmHg e quello della diastolica fra 90 e 95 mmHg).

Un altro recente articolo sull’incremento della telemedicina nelle Farmacie dei servizi Federfarma, lo potete leggere qui.