Un tavolo tecnico permanente sulla cannabis terapeutica presso il ministero della Salute è la novità annunciata dal sottosegretario alla Salute Andrea Costa. L’iniziativa, dedicata a un tema che ha acquisito via via negli anni una crescente importanza, ha trovato “grande apprezzamento” da parte di Federfarma.

Federfarma accoglie con favore la notizia dell’istituzione del Tavolo tecnico permanente sulla cannabis terapeutica presso il ministero della Salute.

La posizione di Federfarma è stata illustrata dal suo segrerario nazionale Roberto Tobia: “Questo Tavolo -ha dichiarato- contribuirà a fornire risposte adeguate alle esigenze dei malati, individuando soluzioni condivise per risolvere le molte criticità legate all’uso terapeutico della cannabis, a partire dall’annoso problema della carenza di materia prima che non consente di garantire le cure necessarie ai malati terminali e a chi soffre di dolore cronico”.

“Federfarma -prosegue Tobia- esprime grande soddisfazione perché quest’iniziativa nasce dalle istanze promosse dai farmacisti insieme alle associazioni dei malati e divulgate grazie all’impegno della televisione pubblica e di quei media che, attraverso i loro programmi di servizio, danno voce alle necessità dei cittadini”.

Roberto Tobia, segretario nazionale di Federfarma: “Le farmacie raccolgono quotidianamente le richieste di aiuto dei malati e dei loro familiari, affiancandoli nella lotta contro il dolore inutile”.

“Le farmacie, presidio sanitario di prossimità integrato nel Ssn -continua il segretario di Federfarma Tobia- raccolgono quotidianamente le richieste di aiuto dei malati e dei loro familiari, affiancandoli nella lotta contro il dolore inutile. È naturale quindi che Federfarma si faccia portavoce di tali istanze presso le istituzioni, con le quali collabora attivamente per portare risposte concrete sul territorio. Ringraziamo il sottosegretario Andrea Costa per la sensibilità dimostrata su un tema così rilevante e per aver istituito un Tavolo al quale Federfarma sarà lieta di apportare il proprio contributo”.

Per approfondimenti sulla cannabis terapeutica, potete leggere qui sul nostro sito.