Comincia oggi a Lodi il roadshow promosso da Federfarma Lombardia per spiegare a cittadini e addetti ai lavori come sarà la nuova sanità regionale dopo l’approvazione della Legge 22/2021 varata da Regione Lombardia.

Parte stasera da Lodi il roadshow di Federfarma Lombardia per spiegare a cittadini e operatori come sarà la nuova sanità regionale. Un tour in dodici tappe da qui al 3 novembre.

Il progetto, che si intitola “Salute, un bene del territorio. I presidi territoriali e il futuro della sanità”, prevede dodici appuntamenti da oggi al 3 novembre nelle province lombarde per illustrare la riforma sanitaria lombarda, con la partecipazione dei rappresentanti della Regione Lombardia.

La nuova sanità prefigurata dalla Legge regionale 22/2021 ha tra i suoi punti principali il rilancio della rete ospedale-territorio e il ruolo essenziale delle farmacie nella riorganizzazione delle cure primarie, per una sanità a chilometro zero.

Gli incontri, organizzati da Federfarma Lombardia con il supporto di Inrete, sono aperti alla popolazione, ad amministratori locali e operatori sanitari, e strutturati come talk show.

L’appuntamento di Lodi è per questa sera alle 18, nell’aula magna del liceo classico Verri. Interverranno l’assessore al Welfare della Lombardia e vicepresidente della Regione Letizia Moratti; l’assessore al Territorio e Protezione civile Pietro Foroni; il presidente della Commissione Sanità e Politiche sociali del consiglio regionale, Emanuele Monti; il direttore generale dell’Asst di Lodi, Salvatore Gioia; la presidente di Federfarma Lombardia, Annarosa Racca; il consigliere dell’Unione regionale (e vicepresidente di Federfarma Milano) Dario Castelli. Sarà possibile seguire l’evento anche in diretta streaming su YouTube.

Dopo Lodi, il calendario del roadshow sulla nuova sanità è questo: Brescia (19 maggio), Cremona (27 maggio), Pavia (1° giugno), Lecco (17 giugno), Monza (23 giugno), Bergamo (30 giugno), Como (7 luglio), Sondrio (16 settembre), Mantova (7 ottobre), Varese (21 ottobre), Milano (3 novembre).

Annarosa Racca: la riforma sanitaria lombarda “intende semplificare i percorsi diagnostico-terapeutici e riconosce alle farmacie il ruolo di presidio capillare, con nuovi compiti, più servizi di prossimità e attività di telemedicina”.

Commenta la presidente di Federfarma Lombardia Annarosa Racca: “Crediamo molto in questa iniziativa perché ci permetterà di incontrare la popolazione, attraversando tutta la Lombardia, per approfondire l’importanza delle novità previste dalla riforma sanitaria. Una riforma che intende semplificare i percorsi diagnostico-terapeutici e riconosce alle farmacie il ruolo di presidio capillare, con nuovi compiti, più servizi di prossimità e attività di telemedicina. Il tutto con il fine ultimo di rendere la sanità ancora più innovativa e vicina ai cittadini”.

Aggiunge Dario Castelli: “Il nostro auspicio è che agli incontri intervengano anche tanti amministratori locali. Come abbiamo sperimentato in questi due anni di pandemia, la sanità è fatta anche di sindaci, di Comuni, di protezione civile, di infermieri, di Auser e di tutte le associazioni di volontariato. Credo che uno dei maggiori insegnamenti che il Covid ci abbia lasciato sia proprio l’importanza dell’interconnessione tra ruoli diversi”.