Anche quest’anno si svolge la “#MedSafetyWeek”, la campagna internazionale -in corso in questi giorni, dal 6 al 12 novembre- sulla farmacovigilanza e la segnalazione delle reazioni avverse, che coinvolge oltre 80 agenzie regolatorie, tra cui l’italiana Aifa, e numerose organizzazioni non governative

È in corso in questi giorni, fino al 12 novembre, la campagna internazionale Oms sulla segnalazione delle reazioni avverse da farmaci “#MedSafetyWeek”, a  cui partecipa anche l’Aifa. Operatori sanitari e pazienti sono invitati a segnalare sospetti effetti indesiderati dei medicinali.

La campagna “#MedSafetyWeek”, giunta nel 2023 all’ottava edizione, è guidata dall’Umc, Uppsala Monitoring Center, il centro collaboratore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per il monitoraggio internazionale dei farmaci) ed è sostenuta dai membri della Coalizione internazionale delle autorità di regolamentazione dei medicinali (Icmra, International coalition of medicines regulatory authorities). Il sito della campagna è consultabile qui.

Come spiega l’Aifa sul proprio sito, le agenzie dei medicinali gestiscono sistemi per rilevare e analizzare gli effetti indesiderati dei farmaci: “Lo scopo del monitoraggio della sicurezza è quello di ottenere maggiori informazioni sugli effetti indesiderati già noti ed eventualmente scoprirne di nuovi per proteggere i pazienti. Per questo, ogni segnalazione effettuata da un paziente o da un operatore sanitario viene attentamente valutata ed esaminata per individuare le misure da adottare per ridurre o prevenire possibili problemi per i pazienti”.

Partecipando alla campagna 2023, attraverso il proprio sito e i propri canali social, Aifa intende quindi ricordare l’importanza di segnalare sempre i sospetti effetti indesiderati dei farmaci direttamente sul sito dell’Agenzia, seguendo le indicazioni contenute nella pagina “Come segnalare una reazione avversa”, che riportiamo qui sotto.

Come segnalare una reazione avversa

Le segnalazioni di sospette reazioni avverse (Adr, adverse drug reaction) da farmaci e da vaccini consentono di rilevare potenziali segnali di allarme relativi all’uso dei medicinali, così da renderli più sicuri, a beneficio di tutti i pazienti.

La normativa europea sulla farmacovigilanza richiede a tutti gli operatori sanitari e ai cittadini di segnalare qualsiasi sospetta reazione avversa (grave e non grave, nota e non nota).

Una sospetta reazione avversa può essere segnalata secondo una delle seguenti modalità:

  • compilando la scheda di segnalazione e inviandola via e-mail al responsabile di farmacovigilanza della propria struttura di appartenenza, oppure al titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio del medicinale che si sospetta abbia causato la reazione avversa.
  • direttamente on-line sul sito dell’Aifa

Per le sospette reazioni avverse che si verificano dopo l’assunzione di integratori alimentari, prodotti erboristici, preparazioni magistrali (per esempio a base di cannabis per uso medico), medicinali omeopatici (non registrati come medicinali) e altri prodotti di origine naturale, la segnalazione può essere effettuata attraverso il sistema online di fitovigilanza VigiErbe.

Un articolo correlato lo potete trovare sul nostro sito qui.