L’Agenzia italiana del farmaco promuove, con il Ministero della Salute, una campagna di comunicazione sugli antibiotici, in occasione della settimana mondiale della consapevolezza sull’uso degli antibiotici, indetta dall’Organizzazione mondiale della sanità  dal 18 al 24 novembre 2023.

Campagna di comunicazione sugli antibiotici di Aifa e Ministero in occasione della Giornata europea e Settimana mondiale per l’uso prudente degli antibiotici dal 18 al 24 novembre.

La campagna sugli antibiotici è stata presentata oggi a Roma presso il Ministero della Salute: scopo dell’iniziativa è sensibilizzare i cittadini sulla tematica dell’antibiotico-resistenza e favorire il corretto uso di questi medicinali utlzzando i vari mezzi di comunicazione disponibili. La giornalista Francesca Fagnani è testimonial della campagna.

campagna aifa sugli antibiotici

Il messaggio della campagna è: “Usa gli antibiotici in modo consapevole e sempre secondo le prescrizioni del tuo medico. Se prendi antibiotici in modo scorretto metti a rischio la tua salute e contribuisci allo sviluppo di batteri resistenti alle cure”.

L’Italia è tra i Paesi con i più alti tassi di antibiotico-resistenza

Il tema dell’antibiotico-resistenza legata all’uso eccessivo e non corretto di questi farmaci (che accelera il processo naturale per cui i batteri divengono resistenti a quegli stessi antibiotici che una volta erano in grado di sconfiggerli) continua a essere caldo sopratutto da noi. Ricorda infatti l’Aifa sul proprio sito: “l’Italia è tra i Paesi europei con i maggiori consumi e con i tassi più elevati di resistenza e multi-resistenza (resistenza di un batterio ad almeno quattro antibiotici di classi diverse)”.

Il ruolo del farmacista

Si tratta di una problematica che coinvolge direttamente anche le farmacie, che, grazie al loro quotidiano contatto con i cittadini, possono svolgere un ruolo importantissimo nell’informazione e nella prevenzione: ne abbiamo parlato sul nostro sito anche qui.

Il Piano nazionale di contrasto dell’antimicrobico-resistenza

L’Agenzia del farmaco sottolinea poi che “l’aumento delle resistenze può essere contrastato efficacemente solo attraverso un approccio globale -one health- che promuova interventi per l’uso responsabile di questi farmaci in tutti gli ambiti. Le strategie per prevenire e controllare le resistenze agli antibiotici richiedono un coordinamento a livello europeo e mondiale, ma anche piani nazionali in grado di fronteggiare le specifiche situazioni locali. Per tale ragione, l’Italia si è dotata del primo Piano nazionale di contrasto dell’antimicrobico-resistenza (Pncar) 2017-2020 -a cui è seguito il Pncar 2022-2025- che, in coerenza con le indicazioni dell’Oms, prevede tra gli ambiti di intervento la sorveglianza dei consumi degli antibiotici sia nel settore umano sia veterinario”.

Un articolo correlato potete trovarlo sul nostro sito qui.