È ancora in corso il “Trimestre Antinflazione”, partito il 1° ottobre su iniziativa del Ministero delle Imprese e del Made in Italy (di cui è titolare Adolfo Urso) per contenere l’effetto degli aumenti di prezzo su alcuni correnti beni di consumo, a cui partecipano in grande numero anche le farmacie (si veda sul nostro sito qui). A circa un mese dalla conclusione dell’iniziativa si è riunito ieri il Tavolo permanente sul Trimestre per fare il punto. Per l’occasione Federfarma ha rilasciato un proprio comunicato stampa, che qui riportiamo.

Trimestre antinflazione: grande coinvolgimento delle farmacie e apprezzamento dell’iniziativa

Si è svolto oggi, alla presenza del ministro Urso e del ministro Lollobrigida, l’incontro del Tavolo permanente sul Trimestre Antinflazione, per il confronto sulle tematiche legate alla distribuzione, all’industria e alla produzione.

Federfarma ha aderito da subito all’invito del Ministero delle Imprese e del Made in Italy a partecipare al Trimestre Antinflazione, conseguendo il coinvolgimento di oltre 7500 farmacie, pari a oltre il 40% delle farmacie associate.

Le farmacie sono da sempre impegnate a corrispondere alle esigenze della popolazione sia con il proprio supporto professionale per quanto riguarda la dispensazione dei farmaci e l’erogazione di servizi aggiuntivi, sia con la partecipazione a iniziative volte ad agevolare i cittadini, soprattutto quelli appartenenti alle fasce più deboli, nell’accesso a beni e servizi essenziali.

“Si tratta di un’iniziativa che si sta dimostrando estremamente valida e utile sia per agevolare i cittadini nell’acquisto di beni di prima necessità, sia per favorire una ripresa dei consumi -dichiara Marco Cossolo, presidente di Federfarma- tanto è vero che si è avuto modo di registrare una diffusa stabilizzazione dei prezzi al consumo, anche riferiti a prodotti di particolare valenza sociale, quali il latte per la prima infanzia e i pannolini”.

“Ringrazio il ministro Urso e gli uffici del Mimit per l’efficienza e la disponibilità con cui hanno gestito i lavori del tavolo. Da parte nostra faremo il possibile per far sì che le farmacie diano il proprio contributo al raggiungimento degli obiettivi previsti, collaborando come sempre con le istituzioni per il benessere dei cittadini”. (Comunicato stampa Federfarma – 4 dicembre 2023)