Con il Decreto 59/2023 del 4 aprile è stato adottato un nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti, il Rentri – Registro elettronico di tracciabilità dei rifiuti, che introduce un modello di gestione digitale per l’assolvimento degli adempimenti connessi ai rifiuti, come l’emissione dei formulari di identificazione del trasporto, e la tenuta dei registri cronologici di carico e scarico.

Aggiornamenti sul Rentri, il Registro elettronico di tracciabilità dei rifiuti, un sistema che riguarda anche l’attività delle farmacie: due nuovi decreti ministeriali su scadenze e procedure.

Il Dm 59 che introduce il Rentri (che sostituisce il Sistri, mai entrato in funzione)  stabilisce i nuovi modelli di Registro di carico e scarico e del Formulario di identificazione dei rifiuti, destinati a una gestione digitale e integrati nel nuovo sistema.

Il decreto disciplina inoltre le modalità di adesione, di funzionamento e i costi del Rentri, che dovrebbe garantire, con decorrenze scaglionate in base alle dimensioni dele imprese, l’operatività del nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti.

Ora sono stati pubblicati, sul sito del Ministero dell’Ambiente e della sicurezza energetica, due decreti direttoriali applicativi del Rentri, segnalati e commentati dalla Circolare 553/2023 di Federfarma, disponibile sul sito nell’area riservata.

Il primo decreto direttoriale precisa le date di scadenza connesse al nuovo sistema, ossia l’entrata in vigore dei vari adempimenti. Il secondo decreto direttoriale definisce, invece, le modalità operative per la trasmissione dei dati per la tracciabilità dei rifiuti, per l’iscrizione al Rentri, i requisiti informatici per garantire l’interoperabilità e le modalità di funzionamento degli strumenti di supporto messi a disposizione degli operatori.

Federfarma sottolinea che i nuovi modelli di Registro di carico e scarico e del Formulario di identificazione dei rifiuti, destinati a una gestione digitale e integrati nel nuovo sistema Rentri, saranno applicabili da parte delle farmacie a partire dal 13 febbraio 2025. Fino al 13 febbraio 2025, quindi, le farmacie continueranno a utilizzare i vigenti modelli di Registro e Formulario nelle attuali modalità cartacee.