Dal 1° gennaio 2024 è disponibile la Nuova Banca Dati Federfarma. Lo comunica Federfarma con la Circolare 575/2023, illustrando i cambiamenti che caratterizzano la nuova versione di questo importante strumento.

È disponibile la Nuova Banca Dati Federfarma, aggiornata secondo le più nuove tecnologie, per gestire al meglio le sempre più numerose informazioni sul farmaco.

Federfarma spiega che la Banca Dati precedente risaliva a oltre vent’anni fa e aveva ormai una struttura troppo rigida, non più adeguata al continuo aumento delle informazioni e alla crescente complessità della normativa in campo farmaceutico.

Occorreva dunque un radicale ammodernamento della Banca Dati Federfarma (sempre in collaborazione con Farmadati Italia sulla base di un accordo commerciale con Promofarma) che permettesse al farmacista di lavorare correttamente senza rischiare sanzioni per eventuali errori o inadempienze.

Che cosa offre la Nuova Banca Dati

La Nbdf consentirà alle farmacie associate di poter fruire di strumenti idonei a favorire le proprie attività di dispensazione dei prodotti, prevedendo:

  • più prezzi di uno stesso prodotto ai fini della tariffazione Air secondo patologia e tipologia di erogatore (Farmacia urbana/rurale/sussidiata e della Regione)
  • l’inserimento di informazioni essenziali per adempiere agli obblighi di legge ed evitare sanzioni
  • l’inserimento di informazioni funzionali alla logistica integrata (per esempio, carenze e distribuzione contingentata; codifica ottica farmaci esteri; sottomultipli di confezioni di farmaci)
  • l’inserimento di informazioni di natura commerciale (per esempio, ditte correlate e attribuzioni codici ditta; liste di comparazione classe C; dati aggiuntivi in chiaro dei prezzi; dettagli scadenze brevettuali)

Allegato alla Circolare 575 (alla lettura completa della quale si rimanda per ulteriori informazioni), è consultabile nell’area riservata del sito di Federfarma il “Documento illustrativo della Nbdf”, utile per approfondire il confronto tra il vecchio e nuovo stumento.