Le farmacie sono, come è noto, tra i soggetti tenuti a comunicare al Sistema Tessera sanitaria i dati delle spese sanitarie sostenute dai cittadini, al fine della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata 2024 da parte della Agenzia delle Entrate (che concerne l’anno fiscale 2023). La prossima scadenza è il 31 gennaio 2024 e riguarda i dati relativi al secondo semestre 2023 (dal 1° luglio al 31 dicembre).

Entro il 31 gennaio le farmacie devono comunicare al Sistema Tessera sanitaria i dati delle spese sanitarie dei cittadini nel secondo semestre 2023 per la elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata.

Le spese da comunicare al Sistema Tessera sanitaria

  • Ticket per acquisto di farmaci e per prestazioni fruite nell’ambito del Servizio sanitario nazionale
  • Farmaci: spese relative all’acquisto di farmaci, anche omeopatici
  • Dispositivi medici con marcatura CE: spese relative all’acquisto o affitto di dispositivi medici con marcatura CE
  • Servizi sanitari erogati dalle farmacie
  • Farmaci per uso veterinario
  • Prestazioni sanitarie (escluse quelle di chirurgia estetica e di medicina estetica): assistenza specialistica ambulatoriale; visita medica generica e specialistica o prestazioni diagnostiche e strumentali; prestazione chirurgica; certificazione medica; ricoveri ospedalieri ricollegabili a interventi chirurgici o a degenza, al netto del comfort
  • Prestazioni sanitarie erogate dai soggetti di cui all’art. 1 del Decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze del 1° settembre 2016, come modificato dai Decreti del Mef del 28 novembre 2022 e del 22 maggio 2023
  • Prestazioni sanitarie erogate dai soggetti di cui all’articolo 1del decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze del 22 marzo 2019
  • Prestazioni sanitarie erogate dai soggetti di cui all’articolo 1del decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze del 22 novembre 2019
  • Prestazioni sanitarie erogate dai soggetti di cui all’articolo 1 del decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze del 16 luglio2021
  • Spese agevolabili solo a particolari condizioni: protesi e assistenza integrativa (acquisto o affitto di protesi -che non rientrano tra i dispositivi medici con marcatura CE- e assistenza integrativa); cure termali; prestazioni di chirurgia estetica e dimedicina estetica (ambulatoriale o ospedaliera)
  • Altre spese sanitarie