Il Decreto legislativo 1/2024, riguardante “Razionalizzazione e semplificazione delle norme in materia di adempimenti tributari”, ha introdotto la semestralizzazione dei termini di invio al Sistema Ts (Tessera sanitaria) dei dati relativi alle spese sanitarie a partire dal 2024.

Da quest’anno le farmacie trasmetteranno i dati delle spese sanitarie al Sistema Tessera sanitaria per la dichiarazione dei redditi precompilata con cadenza semestrale.

Come illustra Federfarma con la Circolare 38/2024 (disponibile sul sito nell’area riservata), il Decreto legislativo introduce una misura di semplificazione, a partire dal 2024, che interessa da vicino le farmacie: i soggetti tenuti all’invio dei dati delle spese sanitarie al Sistema Tessera sanitaria ai fini della predisposizione della dichiarazione precompilata, quindi anche le farmacie, effettueranno la trasmissione dei dati con cadenza semestrale (viene eliminato, quindi, l’obbligo di trasmissione dei dati con periodicità mensile prevista per il 1° gennaio 2024).

Federfarma ricorda, inoltre che il 31 gennaio 2024 (con possibili variazioni entro il 7 febbraio) dovranno essere trasmessi al Sistema Tessera sanitaria i dati riferiti al secondo semestre 2023 riguardanti le spese sanitarie e veterinarie sostenute dalle persone fisiche, così come riportati sul documento fiscale emesso dai medesimi soggetti, comprensivi del codice fiscale rilevato dalla Tessera sanitaria.

I dati, una volta verificati dai contribuenti durante il successivo mese di febbraio, saranno poi messi a disposizione dell’Agenzia delle Entrate per la predisposizione della dichiarazione dei redditi precompilata relativa all’anno 2023.