I farmacisti hanno tempo fino al 29 febbraio per inviare i dati relativi alle quantità delle sostanze dopanti utilizzate nelle preparazioni estemporanee nel corso del 2023: il Ministero della salute ha infatti stabilito una proroga (il termine precedentemente fissato era il 31 gennaio 2024).

Il Ministero della Salute ha stabilito la proroga al 29 febbraio 2024 dell’invio dei dati relativi alle quantità delle sostanze dopanti utilizzate dal farmacista nelle preparazioni estemporanee nel corso del 2023.

Nel suo comunicato il Ministero ricorda che i farmacisti, dal 1° gennaio 2024, hanno l’obbligo di trasmettere in modalità elettronica, i dati relativi alle quantità di principi attivi vietati per doping, utilizzati nelle preparazioni estemporanee nel 2023.

Per quanto riguarda la modalità di invio, la trasmissione deve avvenire esclusivamente tramite posta elettronica certificata: le comunicazioni spedite da caselle non Pec non saranno prese in considerazione (maggiori informazioni sono reperibili sul sito del Ministero qui).

Per agevolare i farmacisti nelle pratiche di invio dei dati sulle sostanze dopanti utilizzate per le preparazioni estemporanee, Federfarma ha messo a disposizione delle farmacie sul proprio sito nell’area riservata (con la Circolare numero 40/2024) le istruzioni per la compilazione del modulo e l’elenco contenente tutti i ptincipi attivi inseriti nelle classi di sostanze vietate per doping, oggetto della comunicazione al Ministero. Inoltre, nella Circolare di Federfarma 576/2023 si trovano riepilogate le classi di sostanze che, secondo il Decreto ministeriale del 3 ottobre 2023, non sono soggette all’obbligo di trasmissione.