Domani, mercoledì 7 febbraio, a Roma, sarà presentata l’iniziativa “Il futuro è dei bambini”, promossa da Fondazione Umberto Veronesi, nell’ambito del progetto “Gold fo Kids”, insieme con Federfarma, per sostenere la ricerca scientifica sui tumori pediatrici e dell’adolescenza grazie a una raccolta di fondi tramite le farmacie.

Il 7 febbraio a Roma presentazione della terza edizione della campagna di Fondazione Veronesi e Federfarma “Il futuro è dei bambini”, per raccogliere fondi a sostegno della ricerca sull’oncologia pediatrica.

La presentazione avverrà alle 10 nella sede di Federfarma a Roma, in via Emanuele Filiberto 190 e potrà essere seguita in diretta anche on line collegandosi alla pagina Facebook di Federfarma qui.

Il programma degli interventi

  • Marco Cossolo,  presidente di Federfarma nazionale
  • Franco Locatelli, professore ordinario di Pediatria all’Università Cattolica del Sacro Cuore e responsabile dell’Area di Oncoematologia Pediatrica e Terapia Cellulare e Genica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma
  • Clara Mottinelli, presidente di Federfarma Brescia
  • Concetta Quintarelli, responsabile dell’Unità di ricerca di Terapia Genica dei Tumori presso l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma
  • Monica Ramaioli, direttrice generale di Fondazione Umberto Veronesi Ets
  • Moderatore: Roberto Tobia, segretario nazionale di Federfarma

Raccolta di fondi in farmacia dal 15 febbraio al 15 marzo

La campagna “Il futuro è dei bambini”, comincerà il 15 febbraio, in occasione della Giornata mondiale del cancro e durerà un mese, sino al 15 marzo 2024.

I promotori ricordano che ogni anno sono colpiti da tumore 1.400 bambini e 800 adolescenti: la ricerca può aiutarli a ricevere nuove e pù efficaci terapie. Ecco perché sostenerla, utilizzando la capillare presenza delle farmacie sul territorio e la loro vicinanza ai cittadini.

All’iniziativa partecipano più di 1.000 farmacie, che, oltre a una locandina, espongono sul banco un salvadanaio inviato da Fondazione Veronesi, contenente 31 braccialetti in tessuto dorato con la scritta “Il futuro è dei bambini”. Un braccialetto è riservato al farmacista, che lo indossa facendosi promotore dell’iniziativa, mentre gli altri 30 sono destinati ai cittadini, in cambio di una donazione minima di 3 euro, da versare nel salvadanaio.