L’invio dei dati al Sistema Ts per la elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata ha ora scadenza semestrale e la Ragioneria Generale dello Stato ha quindi stabilito i termini precisi per la trasmissione telematica. Lo ricorda la Circolare di Federfarma 84/2024, consultabile sul sito nell’area riservata.

La Ragioneria Generale dello Stato ha fissato il nuovo calendario per l’invio dei dati al Sistema Ts sulle spese sanitarie e veterinarie ai fini della predisposizione della dichiarazione dei redditi precompilata.

I soggetti tenuti all’invio dei dati al Sistema Ts sono: ospedali pubblici e privati, cliniche, laboratori, farmacie, medici e altri sanitari iscritti agli albi, negozi di ottica, parafarmacie. Il Decreto ministeriale dell’8 febbraio 2024 ha sancito che la trasmissione telematica abbia periodicità semestrale a partire dal 1° gennaio di quest’anno. Quindi, queste sono le nuove scadenze:

  • entro il 30 settembre di ciascun anno, per i dati del primo semestre
  • entro il 31 gennaio dell’anno successivo per i dati del secondo semestre dell’anno precedente

Pertanto, con riferimento alle spese sanitarie del 2024 la trasmissione deve essere fatta:

  • entro il 30 settembre 2024 se la data di pagamento è compresa tra il 1° gennaio 2024 e il 30 giugno 2024
  • entro il 31 gennaio 2025 se la data di pagamento è compresa tra il 1° luglio 2024 e il 31 dicembre 2024

La correzione di eventuali invii errati è possibile entro, rispettivamente, il 7 ottobre 2024 e il 7 febbraio 2025; dopo tali date, scattano le sanzioni, fissate in misura di 100 euro per ogni documento errato.

Il decreto prevede infine la possibilità, per le farmacie, di continuare a usare sistemi di invio dei corrispettivi alternativi al Sistema Tessera sanitaria, che sarebbe dovuto diventare canale esclusivo dal 1° gennaio scorso, ma l’obbligo è stato soppresso dal Decreto “Anticipi” (in proposito, si veda la Circolare 567/2023 sul sito di Federfarna).