Il sipario è calato anche per Cosmofarma 2024,  la ventisettesima edizione della manifestazione, che si è chiusa registrando un ottimo successo di partecipazione di visitatori e di aziende, oltre a una veramente ricca serie di convegni e meeting aziendali.

Grande successo per Cosmofarma 2024, la grande manifestazione sul mondo della farmacia, che si è svolta a Bologna dal 19 al 21 aprile.

Anche questo appuntamento, tenutosi alla Fiera di Bologna dal 19 al 21 aprile, ha dimostrato come Cosmofarma Exhibition si confermi piattaforma di informazione, formazione e soprattutto di confronto tra gli addetti del settore, riunendo così la più grande community italiana della farmacia.

Molte le occasioni per definire e valorizzare l’impegno e il ruolo del farmacista in farmacia, prima tra tutte l’incontro istituzionale tenutosi sabato mattina e organizzato da Federfarma, Fofi, Utifar e Fondazione Cannavò su “L’evoluzione della farmacia e del farmacista, tra i nuovi servizi e dispensazione del farmaco”.

È stata una preziosa opportunità per individuare il cammino percorso e soprattutto per definire i programmi futuri, davanti a una platea affollata e attenta e alla quale non sono mancati speciali riconoscimenti.

Il sottosegretario alla Salute Gemmato: “Se oggi il decisore politico fa qualcosa, lo fa perché la categoria ha mostrato sul campo il proprio valore”.

“Difendere oggi il mondo della farmacia significa difendere la salute dei cittadini italiani -ha detto il sottosegretario alla Salute, Marcello Gemmato (nella foto)– Sono convinto che il maggior riconoscimento per la trasformazione in atto vada dato al farmacista, perché se oggi il decisore politico fa qualcosa, lo fa perché la categoria ha mostrato sul campo il proprio valore”.

“Il lavoro è appena iniziato -ha poi precisato Marco Cossolo, presidente di Federfarma– Per andare verso la farmacia che vogliamo bisogna fare investimenti e cambiare il modo di lavorare”. Stiamo, infatti, vivendo un periodo di grande trasformazione, da affrontare con fiducia e consapevolezza.

“Siamo parte integrante del Servizio sanitario -ha concluso Cossolo- e tutti i colleghi devono sentirsi coinvolti, perché se sapremo ben gestire questo cambiamento esso andrà a vantaggio dell’intera collettività”.

Un invito sottolineato da tutti i responsabili della categoria: “Siamo vicini a toccare con mano il sogno in cui abbiamo creduto e possiamo iniziare a ragionare su una farmacia sempre più attiva” (Andrea Mandelli, presidente della Fofi).

“Il farmacista è pronto a dare quelle risposte in termini di prevenzione e di orientamento per l’efficace somministrazione delle terapie farmacologiche” (Luigi D’Ambrosio Lettieri, presidente della Fondazione Cannavò).

“La nuova remunerazione concretizzerà il superamento della Legge 405/2001» (Eugenio Leopardi, presidente di Utifar).

“La farmacia sta attraversando una serie di cambiamenti che si possono definire epocali” (Luca Pieri, presidente di Assofarma).

Tre giorni densi di appuntamenti importanti

Doveroso precisare che i convegni tenutisi durante i tre giorni hanno registrato per Cosmofarma 2024 una folta partecipazione, a partire dell’incontro organizzato da Federfarma Sunifar, durante il quale il presidente Gianni Petrosillo ha evidenziato quanto fatto e quanto ancora si farà per il sostegno della farmacia rurale.

Da segnalare poi l’incontro organizzato da Pharmacy Scanner sull’attuale tema della sentenza sui marketplace e la parafarmacia Amazon, il convegno di Promofarma sull’evoluzione digitale in farmacia, l’incontro con Franco Falorni sui numeri di bilancio tra “ragioneria e magia”. E questo tanto per citare soltanto alcuni esempi, perché quest’anno la manifestazione ha offerto un calendario veramente denso di incontri, confronti e di aggiornamento sia scientifico, sia professionale.