Sono circa 400mila le confezioni di farmaci recuperate nel 2023 dalle farmacie di Palermo e provincia, tra scaduti o integri con validità per altri sei mesi, impedendo così che finissero in discarica.

Lo conferma l’agenzia palermitana Rap, di raccolta e smaltimento dei rifiuti e la cooperativa “Giorgio La Pira”, che forniscono in convenzione il servizio di raccolta farmaci. L’attività di raccolta farmaci continua anche in questi primi mesi del 2024, consentendo di donare migliaia di confezioni, oltre che alla farmacia sociale della coop, anche a enti caritatevoli che ne hanno fatto richiesta.

L’impegno profuso dai farmacisti palermitani nella raccolta farmaci dimostra come la farmacia sia, oltre che primo presidio sanitario territoriale, anche promotore di sostenibilità e testimonia la scelta della locale Federfarma di aderire all’Alleanza promossa dall’intergruppo parlamentare “One Health” e da Fortune Italia, che promuovono il coordinamento interprofessionale per una migliore tutela della salute globale.

“I farmacisti -ha precisato il presidente di Federfarma Palermo e segretario nazionale- condividono le crescenti preoccupazioni sugli effetti negativi che l’errato smaltimento dei prodotti farmaceutici può causare all’ambiente e sono in una posizione ideale per sensibilizzare l’opinione pubblica e promuovere il corretto uso e smaltimento dei farmaci, anche con finalità di solidarietà sociale”.