Sabato 15 giugno si svolgerà a Vercelli l’inaugurazione della nuova ala del Museo della Farmacia Picciòla. Giunto al suo decimo anniversario, il Museo ospita oltre 2000 oggetti donati dalla collezione del Dottor Carletto Bergaglio.

Il Museo della Farmacia Picciòla, parte dell’Associazione Europea Musei delle Arti Medicali di Parigi, compie 10 anni e inaugura una nuova ala. L’inaugurazione si terrà sabato 15 giugno a Vercelli.

La giornata prenderà il via alle 10 al Museo Leone di Vercelli, dove, dopo i saluti delle autorità civili e di Categoria, interverranno diverse personalità del mondo accademico, museale e farmaceutico.

Il professor Gianni Mentigazzi, presidente Museo Leone di Vercelli, e il dottor Carlo Bagliani, direttore Museo della Farmacia Picciòla, cureranno l’introduzione della conferenza. Seguiranno gli interventi del professor Giovanni Cipriani, docente in Storia Moderna Università di Firenze nonché vicepresidente Accademia Italiana di Storia della Farmacia, di Lorenzo Verlato, direttore “Farma Mese” e “Farma 7”, della dottoressa Marina du Ban, farmacista, della dottoressa Elvira De Marino, medico, e di Luisa Canilli, area manager di Rilastil, brand di Istituto Ganassini, che supporta l’evento. In platea ci saranno dermatologi, medici e farmacie della zona, a conferma della rilevanza dell’evento per il settore.

Il museo, inaugurato nel giugno 2014, fa parte dell’Associazione Europea Musei delle Arti Medicali di Parigi (A.E.M.H.S.M.) dal 1999 e continua a essere un punto di riferimento culturale e storico per la comunità locale e per gli appassionati di storia della farmacia.

 

Museo della Farmacia Picciòla di Vercelli

Museo della Farmacia Picciòla di Vercelli

 

«Sono felicissimo di poter festeggiare i primi dieci anni di museo della farmacia qui a Vercelli con l’ampliamento delle sale espositive, ben 180 mq, allestite nei locali adiacenti al Museo. Questa importante novità è resa possibile grazie al ricco materiale della donazione della famiglia Bergaglio» sottolinea Carlo Bagliani, direttore del Museo della Farmacia Picciòla.

«È per noi un onore partecipare a questa inaugurazione» dichiara Luisa Canilli, area manager di Rilastil, brand di Istituto Ganassini. «La storia del nostro Gruppo fonda le sue radici nella ricerca chimica e biochimica, da sempre in stretta relazione con la tradizione farmaceutica. Poter vedere, grazie ad una collezione così ampia, come questa tradizione si sia sviluppata in Italia nel corso dei secoli, ci ricorda quanta passione sia stata necessaria per il progresso della medicina, la stessa passione che mettiamo ogni giorno nel nostro lavoro in Rilastil».

Oltre due secoli di storia della farmacia

Il Museo della Farmacia Picciòla, situato in via Galileo Ferraris 24 a Vercelli, offre un viaggio affascinante attraverso oltre due secoli di storia della farmacia. La collezione, dal 1799 con la fondazione della Farmacia Picciòla di Trieste, è oggi composta da più di 2000 oggetti, tra cui bilancini, aerosol a spirito, mortai, pestelli di marmo, alambicchi e vasi risalenti al XVIII e XIX secolo.

Oltre a questi oggetti, il museo vanta una vasta documentazione storica, con più di 1000 articoli, 800 volumi scientifici e 400 libri di letteratura. La collezione, che si arricchisce con la nuova ala, comprende anche un laboratorio originale, decorato con un coccodrillo appeso al soffitto, un carapace di tartaruga marina e cordoni in seta imbevuti di sangue di vipera, che testimoniano il ruolo della superstizione nelle cure mediche del passato. Al contempo, documenta i primi passi verso una scienza farmaceutica moderna con alambicchi, apparecchi per suffumigi, stampi per la preparazione di pastiglie, supposte e ovuli, e preparati chimici perfettamente conservati.

Per maggiori informazioni sul Museo della Farmacia Picciòla e sulla collezione è disponibile il volume “Farmacia Picciòla 1799-1999”, edito da Italo Svevo, che offre una dettagliata panoramica della storia del museo e della sua collezione, con oltre 350 pagine riccamente illustrate.